OMOFOBI POPULISTI DI DESTRA, DI MAIO COME GIOVANARDI

Dopo averci dato degli omofobi perchè nel nostro gruppo parlamentare non c’è nemmeno un gay dichiarato (la statistica l’hanno insegnata a lui in un corso a parte), Scalfarotto ci accusa di essere un movimento populista di destra (“a sua sorella” cit. Elena Boschi) e paragona Di Maio a Giovanardi (ahahah) perchè diciamo che sulle adozioni da parte di coppie omosessuali (non la stepchild adoption, ovvero l’adozione da parte del partner del figlio biologico del proprio compagno, questa è parte del ddl Cirinnà che noi sosteniamo con fermezza) dobbiamo riflettere.

Eh già, cosa c’è di più populista e di destra che riflettere e confrontarsi su temi innovativi per il nostro Paese e per i quali il Movimento 5 Stelle non ha una posizione ufficiale? Così come abbiamo fatto perfino sulle unioni civili, il movimento interroga i suoi iscritti per far sì che le scelte siano condivise e consapevoli, non vendute in campagna elettorale e poi rimangiate una volta eletti, come fa Scalfarotto e tanti come lui. Ma poi di che stiamo parlando?

Questo parlamento è così inutile che non è stato in grado di far uscire, manco da una sola delle due camere, un testo decente contro l’omofobia, il paladino di questa proposta, sempre Scalfarotto (che possiamo ribattezzare in “salva omofobi” vista l’inedita immunità concessa) fa scioperi della fame per un’altra proposta, e non la sua, sulle unioni civili che tanto non approveremo mai (inutile illudersi, in soli 6 mesi sono stati capaci di rimandarla almeno una dozzina di volte ed è ancora in primissima lettura, mentre i soldi ai partiti se li sono pappati in 24 ore quindi non prendiamoci in giro sulle reali intenzioni dei partiti), altro che avviare un dibattito su eventuali adozioni! Prediamone atto: è fantascienza in questo Paese e con questa classe politica dirigente dove i parlamentari, quelli sì gay, appena insediati si affrettano ad accaparrarsi privilegi, tipo l’assistenza sanitaria ai propri compagni, mentre tutto il resto degli italiani gay, li guarda prendersi dei diritti che loro non hanno e probabilmente non avranno ancora per un bel pezzo!

Io al posto di Scalfarotto e gli altri come lui starei zitto in profonda contrizione per il fallimento su tutti i fronti, ma il Pd ci ha abituato alla sfrontatezza e l’arroganza anche a costo di negare l’evidenza, quindi immagino altre mille di queste uscite infelici.

Che dire, continuate pure. Intanto come sempre, ancora una volta, i nostri voti sono a vostra disposizione per riconoscere i diritti civili, quando vi decidete noi ci saremo, come ci siamo sempre stati nonostante finti retroscena che ci vedrebbero confusi, spaccati, distrutti, morti, dilaniati (mentre lo siete solo voi) come in una botte di ferro (al netto ovviamente di scherzi legislativi che fate coi vostri amici di destra). Vi stiamo aspettando.

Leave a Reply

Your email address will not be published. Required fields are marked *