Violenza sulle donne, sì alla risoluzione Di Vita: “Coinvolgimento degli uomini nelle azioni di prevenzione”

“Azioni coordinate per il recupero e l’accompagnamento degli autori di violenza e dei soggetti a rischio nelle relazioni affettive, riconoscendo priorità alla sicurezza delle vittime, nonché per l’individuazione dell’uomo maltrattante, e iniziative per incoraggiare gli uomini e i ragazzi a contribuire attivamente alla prevenzione di ogni forma di violenza”. Sono alcuni degli impegni assunti dal Governo in seguito all’approvazione in Aula della risoluzione presentata dalla deputata siciliana alla Camera, Giulia Di Vita. “Ogni giorno in Italia vengono stuprate dalle 9 alle 11 donne. La vera emergenza resta, però, quella relativa al numero degli stupri che avvengono, ma di cui nessuno sa niente – spiega la deputata-. Secondo il rapporto dell’Agenzia dei diritti fondamentali dell’Unione europea, solo il 14 per cento delle donne denuncia gli abusi del partner, percentuale che per l’Italia scende al 10 per cento”. 
La parlamentare denuncia “l’immobilismo del governo che ha portato il parlamento ad approvare mozioni pressoché identiche a quelle già approvate oltre 4 anni fa, segnalando “l’inadeguatezza del piano antiviolenza straordinario 2015/2017 che ha suscitato forti proteste proprio dalle realtà che lavorano nel territorio assistendo concretamente le vittime, ovvero i centri antiviolenza. Sul piano economico poi si registra non solo la vergognosa esiguità dei fondi destinati ma la cattiva gestione delle somme segnalata nel 2016 dalla Corte dei Conti in merito a scarsa trasparenza, inefficienza della spesa e mancata vigilanza”. Tra gli altri impegni assunti dal Governo, l’aggiornamento della mappatura dei centri antiviolenza, la quantificazione del fabbisogno e la copertura omogenea dell’assistenza per le donne vittime di violenza e ai minori coinvolti e la formazione adeguata degli operatori del circuito di assistenza.

Dopo 4 anni stesse battaglie contro la violenza sulle donne

VIOLENZA SULLE DONNE, LA CAMERA APPROVA IL NULLANel Giugno 2013 la Camera approvava all'unanimità degli impegni precisi per il governo contro la violenza sulle donne. Ieri, dopo oltre 4 anni, la Camera torna ad approvare delle mozioni che presentano GLI STESSI IMPEGNI! Palese dimostrazione del nulla che è stato fatto dal governo, e quando ha fatto qualcosa ha attirato più critiche che elogi. Infatti:- piano straordinario antiviolenza, ve lo ricordate? Fu bocciato da tutti, specie dai centri antiviolenza che non furono presi in considerazione nella stesura del piano e quindi si sono ritrovati delle linee di intervento non condivise mortificando il loro fondamentale ruolo nell'assistenza alle donne vittime di violenza.Adesso manca il nuovo piano antiviolenza, siamo tutti in attesa di conoscerlo. Chissà che nuove sorprese ci riserva.- fondi ridicoli: non solo i soldi stanziati sono sempre una miseria ma sono anche spesi male, e non lo dico io ma la Corte dei Conti che denuncia l’incapacità di spesa delle risorse appostate, scarsa trasparenza ed inefficienza delle Regioni e il mancato esercizio di vigilanza. Niente, insomma!Se il presidente Laura Boldrini mi avesse fatto terminare avrei concluso dicendo che il governo, inoltre, non conosce bene nemmeno gli articoli della Convenzione Istanbul contro la violenza sulle donne che l'Italia ha ratificato proprio all'inizio di questa legislatura. Infatti, come ho scritto nella mia risoluzione, dobbiamo ancora CREARE gli indici di valutazione per misurare l'impatto che le eventuali politiche messe in atto hanno prodotto, il governo invece forse si è confuso e mi proponeva di sostituire questo impegno con un altro che faceva riferimento alla mera rendicontazione delle spese, ovviamente sacrosanta ma che non c'entra niente!Come al solito, nonostante non fosse nemmeno presente Maria Elena Boschi, l'ufficiale membro del governo a cui è affidata la delega per le Pari Opportunità, l'incompetenza dilaga. Ad maiora!Qui la mia risoluzione approvata: http://aic.camera.it/aic/scheda.html?numero=6-00368&ramo=C&leg=17

Pubblicato da Giulia Di Vita su mercoledì 8 novembre 2017

Leave a Reply

Your email address will not be published. Required fields are marked *