Sanità in Sicilia, Di Vita (M5S): “I manager presentano il conto per sanare i deficit delle aziende sanitarie”

“L’assessorato alla Salute della Regione Siciliana, in questi giorni, sembra un porto di mare: dal 4 al 18 dicembre, infatti, passeranno tutti i direttori generali-commissari delle Aziende sanitarie della Regione per l’assegnazione del budget dell’anno 2017, l’anno praticamente già concluso”. Lo afferma la deputata siciliana alla Camera del M5S, Giulia Di Vita, venuta a conoscenza del calendario di incontri fissato dalla Regione. “Sarà il solito finanziamento a piè di lista per sanare i risultati negativi, a oggi conseguiti da quasi tutte le aziende sanitarie, oppure si terrà conto dell’obbligo di presentare un piano di efficientamento che porti alla progressiva riduzione della perdita di esercizio? La risposta sembra scontata dal momento che non esiste, a oggi, nessun piano di efficientamento in corso”, sostiene la parlamentare. L’ultima parola, però, spetterà all’assessore. “Il verbale di assegnazione delle risorse viene firmato dall’assessore, è lecito chiedersi se il nuovo governo coglierà l’opportunità per liberarsi da una classe dirigente che, negli ultimi tre anni, ha mostrato totale inadeguatezza e incapacità gestionale – aggiunge Di Vita -, sancendo il reale mancato equilibrio di esercizio, oppure se ancora una volta assisteremo a salvataggi in extremis di personaggi che hanno portato gli ospedali siciliani in testa alla lista nazionale delle strutture con i conti in rosso”. Da un documento del ministero, diffuso per stralci dalla stampa e negato alla deputata, gli ospedali palermitani Civico – Di Cristina e Villa Sofia-Cervello risultano tra i primi dieci ospedali nazionali in rosso, “un primato che non ci fa onore, in primis per le difficoltà in cui vengono a trovarsi pazienti e personale medico. Alla fine degli incontri – annuncia la deputata – chiederò all’assessore Razza, con un accesso agli atti, copia del verbale per conoscere il reale stato delle cose”.

Leave a Reply

Your email address will not be published. Required fields are marked *